Il fiuto del cane al servizio dell’uomo

di Leonardo Soregaroli* I cani percepiscono, decodificano e comprendono il mondo che li circonda  principalmente attraverso gli odori. Possiedono all’interno del naso un epitelio olfattivo vasto con alto numero di recettori, circa 250 milioni, in grado di distinguere le più svariate molecole e di inviare queste informazioni ad un’ampia area del cervello, circa il 12.5% della massa totale, che li processa, li cataloga e li riconosce. Per capire questa potenzialità basti pensare che gli stessi recettori presenti nelle narici umane sono solo 5 milioni e l’area del cervello a essi associata è pari all’1% del totale. Grazie all’organo di...

Read More