Cani e reperti antichi

Un team di scienziati statunitensi sta sperimentando l’utilizzo dei cani per l’individuazione dei reperti antichi introdotti illegalmente negli Stati Uniti. A essere al centro dei furti di reperti nei siti archeologici sono soprattutto l’Iraq e la Siria. Al programma collaborano l’University of Pennsylvania Museum, il Red Arch Cultural Heritage Law & Policy Research e il Working Dog Center dell’University of Pennsylvania School of Veterinary Medicine. I reperti trafugati vengono importati negli Stati Uniti nascondendoli in pacchi e casse e falsificando le bolle doganali. Per insegnare ai cani – soprattutto Pastori Tedeschi e Labrador Retriever – a riconoscere il materiale...

Read More