Categoria: N°10 – Marzo Aprile 2018

Editoriale numero 10

In questo numero di K9 Uomini e Cani pubblichiamo – scusate la mancanza di modestia – servizi unici a livello mondiale, nel senso che non ne troverete altrove con questi approfondimenti e ricerca di dati. Leggere per credere. Il primo riguarda l’utilizzo dei cani da presa meridionali (ossia quell’antico tipo che da alcuni decenni è stato suddiviso nelle razze Cane Corso e Mastino Napoletano) da parte dei briganti, con testimonianze dei militari francesi che li combatterono e sconfissero nei primi anni dell’Ottocento. Non solo, il lungo servizio tratta anche l’impiego di questi cani da parte della polizia borbonica nonché...

Read More

Briganti e soldati

I cani furono usati in guerra – o in operazioni di repressione tanto cruente e complesse da potere essere definite guerre pure loro – più spesso di quanto non si pensi. E non sempre dalla parte militarmente più potente e organizzata. In Italia, durante la dominazione francese del Regno di Napoli, nel periodo 1806-15, il generale francese Charles Antoine Manhès fu incaricato di reprimere il diffuso fenomeno del brigantaggio. I briganti, abituati alla durissima vita selvaggia nei luoghi più impenetrabili di quelle montagne del Centro-Sud d’Italia coperte di enormi foreste, agivano con la guerriglia, attaccando e sparendo velocemente nel...

Read More

I cangaceiros

I cangaceiros erano presenti in Brasile già dal XVIII secolo e alcuni di loro divennero famosi, come  Jesuíno Brilhante detto Cabeleira, Cassemiro Honório e Márcula. Questi banditi spesso si macchiarono di atroci delitti, così come fecero del resto pure i loro avversari. La strategia delle bande di cangaceiros si basava su incursioni improvvise e veloci contro obiettivi non adeguatamente protetti, razzie e uccisioni, seguite dal pronto rientro in vaste zone selvagge nelle quali era difficile rintracciarli. Questi uomini conoscevano perfettamente il territorio ed erano in grado di vivere in zone selvagge. Una banda di cangaceiros Anche le donne cangaceiras...

Read More

Lo Xoloitzcuintli

Il dio Xolotl Lo Xoloitzcuintli (abbreviato Xolo, si pronuncia “sciolo”), anche conosciuto come Mexican Hairless Dog, è un antico – circa 2.000 anni – tipo di cane, oggi razza. Il nome deriva dalla lingua nahuatl e significa “cane rugoso” oppure “cane di Xolotl”. Xolotl nelle credenze azteche era il fratello gemello del dio Quetzalcoatl ed era il dio dei fulmini e colui che aiutava i morti nel loro viaggio verso Mictlan, il livello inferiore del mondo sotterraneo che però non ospitava i guerrieri morti in battaglia (risorgevano sotto forma di farfalle o colibrì) e le donne morte (trasformate per...

Read More

Lo Xoloitzcuintli nell’arte

Lo Xoloitzcuintli – in lingua nahuatl, mentre in spagnolo è Xoloitzcuintle, con la “e” finale  – oltre a essere selezionato e allevato da diversi grandi allevatori, ebbe la fortuna di avere diversi e famosi appassionati nel mondo dell’arte, come il pittore e muralista messicano Diego Rivera (1886-1957) e sua moglie, la pittrice Frida Kahlo (1907-1954). Fotografie, murales, acquerelli e litografie confermano la passione di Diego Rivera per lo Xoloitzcuintle. Proprio una delle fotografie con Rivera e i suoi cani  fu usata per uno dei primi libri su questa razza, El xoloitzcuintle en la historia de México, edito dal Museo...

Read More

Il Beagle Harrier

Il Beagle Harrier è una razza poco conosciuta anche in Francia. Non solo, molto  – di quel poco – che si sa è sbagliato e anche consultare i club di razza non ha molta valenza, storicamente. Poiché abbiamo avuto il piacere di conoscere Mario Bertocci, titolare dell’Allevamento Beagle-Harrier di Colle Val d’Elsa, che alleva questa razza da ben 38 anni e che è colui che l’ha fatta conoscere in Italia, noi di K9 Uomini e Cani abbiamo voluto omaggiarlo con una ricerca rivelatasi difficilissima e complessa, ma alla fine crediamo soddisfacente. Premettiamo subito che pedissequamente si cita come creatore...

Read More

Leendert Saarloos

Leendert Saarloos nacque nei Paesi Bassi il 16 novembre 1884, esattamente a Dordrecht, nella provincia dell’Olanda meridionale. I Paesi Bassi – perché l’Olanda non è uno stato – storicamente hanno un grande punto d’incontro con l’Italia, poiché per secoli fecero parte dell’Impero Romano e furono chiamati Germania Inferiore. Il confine dell’impero, che li includeva, correva lungo il vecchio Reno e raggiungeva il Mare del Nord vicino a Katwijk. I romani costruirono fortezze lungo il confine, come il Praetorium Agrippinae vicino all’odierna Valkenburg, Matilo vicino all’odierna Leida e l’ Albaniana nei pressi dell’attuale Alphen aan den Rijn. Una città fu...

Read More

La nostra vita con il Cane Lupo di Saarloos

di Laura Bunazza e Angelo Russo * Cane Lupo di Saarloos (Allevamento Lupi Feudi) Il Cane Lupo di Saarloos è una razza canina la cui diffusione, purtroppo, sta assumendo sempre più la forma e la tendenza di una chiazza d’olio che si espande e che dà la possibilità anche a inesperti, e a volte pure allevatori di dubbia capacità, di rimanervi invischiati… Sono parole sicuramente forti quelle con cui inizia questo articolo ma rendono bene l’idea di quello che è il timore di ciò che è l’attuale sviluppo di una razza non certo adatta a tutti. Dalla lettura dell’altro...

Read More

Il connubio cani “ibridi” e amerindi nordamericani

Molti appassionati, allevatori inclusi, di cani cosiddetti ibridi sono anche amanti degli indiani d’America. Stranamente non lo sono degli indù, che nel caso di parecchie popolazioni hanno un vero tabù protezionistico verso il lupo, persino in quelle zone dove questi animali predano anche oggi i loro bambini. Il fatto è che abbiamo una visione romantica dei cosiddetti pellirosse e lo stesso vale per le loro relazioni con i lupi. I primi, ossia i pellirosse – che ovviamente non avevano la pelle rossa ma a volte la tingevano – nel comune pensare sono (o erano) ritenuti nobili, fieri, saggi, amanti...

Read More
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.