In questo numero di novembre-dicembre di K9 Uomini e Cani trattiamo esclusivamente la manifestazione sulla pastorizia nel mondo PAN, da noi organizzata e che si terrà a Pizzighettone nella seconda settimana di dicembre. Naturalmente il tema comune saranno i cani, ma solo da pastore e di entrambe le tipologie, da conduzione e da protezione. In due articoli presentiamo le razze – e i tipi, perché alcuni non sono riconosciuti dall’Enci anche se esistono da lunghissimo tempo – presenti alla manifestazione, anche se certamente ne potrete vedere pure altre.

Un articolo riguarda l’antichissimo e utilissimo vreccale, il collare munito di punte che protegge i cani dai morsi dei predatori selvatici. Viene usato ancora oggi in alcuni stati, inclusa l’Italia, nelle zone in cui i cani da protezione non hanno mai cessato di confrontarsi con gli atavici nemici.

Visto che siamo vicini a Natale, abbiamo dedicato un articolo alle pecore che tanto comunemente vengono rappresentate nei presepi. Ovviamente anche in Giudea, dove nacque Gesù, si usavano cani, il cui discendente è il Canaan Dog. Noterete, leggendo, che proprio la presenza delle pecore – fra le altre cose – smentisce che Gesù possa essere nato il 25 dicembre.

 L’altro articolo tratta i predatori che minacciano il bestiame in altri continenti e forse vi stupirete che oltre ai classici, per noi, lupo e l’orso, ce ne siano di inconsueti come i grandi serpenti costrittori e le iene. Anche in quelle terre lontane si usano i cani da pastore, con alterne fortune.

Infine, ecco la pastorizia nei film, cartoon e sceneggiati televisivi, con un curioso articolo sul tema. La lista è lunga e include anche i western perché pure i bovini e i cavalli rientrano nella pastorizia. Dal film Serafino con Adriano Celentano all’anime Heidi, dal western Open range con Kevin Costner al demenziale horror Pecore assassine, c’è un po’ di tutto.

Buona lettura.

P.S. Vi aspettiamo alla manifestazione PAN, ne vale la pena.

 

 

                                                                                                        Giovanni Todaro