L’Editoriale

In questo numero di K9 Uomini e Cani trattiamo ambiti molto diversi ma per certi aspetti anche simili, come nel caso dei mangiatori di uomini, che fossero lupi oppure “semplici” cannibali umani. Entrambe le storie raccontate, del tutto vere, furono risolte dai cani. Al tema abbiamo dedicato due lunghi servizi.

A proposito di lupi e cani: funzionano nel lavoro i cosiddetti “ibridi” cani/lupo? Andiamo a scoprire le varie razze create nel mondo, alcune nel tentativo, invariabilmente fallito, di creare un Pastore Tedesco migliore. Sempre sul tema del lavoro invece affrontiamo i cani da tiro, fino a un secolo fa basilari fra i meno abbienti anche per gli spostamenti e per questo tutelati dai controlli della polizia lungo le strade.

Poi passiamo dal tema dell’utilizzo e addestramento dei cani antirapina negli anni della “Milano da bere”, del terrorismo e dei sequestri all’argomento della cura, allevamento e alimentazione dei levrieri da corsa. Ma per essere veloci e correre – correre per la vita propria e degli altri – non serve essere levrieri, ma buoni cani come quelli usati nel ruolo di portaordini durante la Grande Guerra.

E infine un servizio leggero e simpatico sui cani nei cartoni animati, insieme ai loro compagni/avversari. Da Braccobaldo Bau a Pluto, da Spike e Beethoven. Un servizio per sorridere, e pure per ricordare.

Insomma, crediamo di avere pubblicato pure questo mese qualcosa di interessante, grazie anche a collaboratori quali Alessio Nisticò, Vittorino Meneghetti, Federico Torresan e Angelo Anselmi, che si aggiungono agli altri di altissimo livello ed esperienza.

Buona lettura.

Giovanni Todaro