Tag: Cani da lavoro

Il fiuto del cane al servizio dell’uomo

di Leonardo Soregaroli* I cani percepiscono, decodificano e comprendono il mondo che li circonda  principalmente attraverso gli odori. Possiedono all’interno del naso un epitelio olfattivo vasto con alto numero di recettori, circa 250 milioni, in grado di distinguere le più svariate molecole e di inviare queste informazioni ad un’ampia area del cervello, circa il 12.5% della massa totale, che li processa, li cataloga e li riconosce. Per capire questa potenzialità basti pensare che gli stessi recettori presenti nelle narici umane sono solo 5 milioni e l’area del cervello a essi associata è pari all’1% del totale. Grazie all’organo di...

Read More

L’incubo: sottoterra contro il nemico

I terrier ricercano e combattono anche gli animali predatori come la volpe e il tasso, e quasi sempre lo fanno sottoterra, in stretti cunicoli. Proprio per potersi muovere là sotto dovevano (e devono) avere la circonferenza del torace inferiore a 35 cm. Inoltre è basilare che abbiano grandissimi aggressività e coraggio. Questi cani non erano certo belli, dal pelo spesso duro, di tutti i colori, bassi, spesso ricoperti di cicatrici. Ma ciò non importava a nessuno, perché il vero terrier dev’essere soprattutto di carattere, da lavoro, nonché grande abbaiatore sia per frastornare il selvatico fino a spingerlo a fuggire...

Read More

Il Cane da pastore dell’Asia Centrale. Pre-molosso di selezione naturale, ancora oggi esistente e immutato

di Luiza Dagmara Conti* Per scoprire le origini di questa razza è necessario tornare indietro al IX millennio a.C., quando in Iran fu addomesticata la capra e poco dopo la pecora. Le migrazioni di capre e pecore sono molto simili. In Turkmenistan settentrionale le pecore giunsero nel VI-V millennio, in Europa nel V (la pecora selvatica europea fu addomesticata nel IV millennio a.C.) e in Cina nel III millennio. Avanti Cristo, naturalmente. Prima degli ovini fu addomesticato il cane – il suo progenitore era un piccolo lupo – e questo in varie parti del mondo, come avvenne nel XII-XIII...

Read More

I cani aborigeni da caccia

Quando parliamo di cani da caccia pensiamo alle razze molto note come i Setter, Pointer e tante altre. Però ce ne sono tante altre non standardizzate e riconosciute ma che da migliaia di anni vengono allevate e utilizzate dall’uomo. In alcuni casi sono cani primitivi che affiancano…uomini per molti aspetti ancora primitivi. Anzi, alcune di queste tribù vivono senza alcun contatto con l’uomo moderno e in zone del pianeta ancora inesplorate. Parrà strano ma è così. I Saisiat sono un popolo indigeno di Taiwan vivente nella zona a cavallo delle regioni di Hsinchu (la tribù Wufong) e Miaoli (le...

Read More

L’addestramento per utilità e difesa del San Bernardo

di Stefano Nardi* Il San Bernardo è una razza da riscoprire nel lavoro. Ho avuto l’opportunità di poter inserire dei soggetti in una disciplina nata e applicata in altre razze: l’utilità e difesa. Questa sfrutta le doti fisiche e caratteriali dei cani e si divide in tre parti. La prima è detta Fase A o Pista, in cui il cane segue una traccia fatta da tante pestate, con la segnalazione di piccoli oggetti posti in punti ben precisi della traccia. Nella seconda, detta Fase B o Obbedienza, il cane esegue una serie di esercizi mentre nella terza detta Fase...

Read More

Leggi l’ultimo numero

k9_copertinanumero23

Novembre Dicembre

 

la foto del mese

Seguici su Facebook

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.